26 Mag

Donare il sangue per soldi. Ecco perché non è possibile in Italia

Euro

 

A differenza di quanto accade in Italia, in alcuni Paesi del mondo le donazioni di sangue oppure di plasma sono a pagamento.

 

 

Ad esempio negli USA i donatori possono ricevere una somma variabile dai 20 ai 40 dollari in base al tipo di donazione e al centro al quale ci si rivolge; al tempo stesso i prelievi possono essere intervallati da un periodo di tempo differente.

In Italia, invece, le donazioni di sangue e di plasma sono rigorosamente volontarie e non prevedono il pagamento dei donatori.

La decisione di optare soltanto per un sistema volontaristico e gratuito per la donazione di sangue è dovuta a tanti fattori diversi:

  • Si tratta di una soluzione per mettere in atto un principio altruistico, destinato ad auto-alimentarsi.
  • E’ funzionale alla decisione di garantire la sicurezza sia dei donatori che delle persone che ricevono il sangue oppure il plasma prelevato. Infatti adottare una donazione gratuita è sinonimo di ulteriori garanzie, in quanto le persone non in salute non hanno motivi economici per diventare donatori. Di conseguenza non sono tentati di nascondere informazioni negative sulle loro condizioni di salute per ottenere un corrispettivo economico.
  • In Italia le trasfusioni ematiche fanno riferimento al Servizio Sanitariolocale e nazionale: per questo motivo non possono essere fatte oggetto di transazioni commerciali e le persone che ricevono il sangue non possono acquistarlo.
  • Le donazioni volontarie e gratuite permettono un maggior controllo dei requisiti richiesti ai donatori e alle modalità stesse del prelievo: infatti è possibile prelevare ogni volta soltanto 405 cc, qualunque sia l’età, il peso e la pressione del soggetto. Inoltre si evita che eventuali donatori possano tornare al centro trasfusionale prima che sia trascorso il periodo di tempo prescritto tra una donazione e l’altra. In questo modo si evitano abusi e si tutela maggiormente la salute dei donatori.

Adottare un sistema altruistico e volontario si spiega con l’importanza del sangue per garantire la riuscita di interventi chirurgici e per stabilizzare le condizioni di salute di persone coinvolte in incidenti o rimaste ferite in varie circostanze.

Il sangue, infatti, è indispensabile per la vita e non riproducibile artificialmente. La donazione gratuita si configura così come un atto di solidarietà nei confronti degli altri e un vero e proprio dovere civico; inoltre consente di superare le barriere di razza, politica, ideologia e religione.

Proprio per le sue caratteristiche, il sangue è fondamentale per assicurare l’operatività degli ospedali, che in caso contrario non possono erogare alcuni servizi basilari, come il pronto soccorso, il reparto di chirurgia e quello di ortopedia.

Vi aspettiamo quindi nel centro trasfusionale più vicino per la donazione sangue!

Autore: Christian Vianello – Amministratore del Gruppo “Piccoli Medi Imprenditori Milano”